L’Italia è al primo posto in Europa per il consumo di acqua in bottiglia.
In Italia si consumano 192 litri di acqua minerale procapite, viene così confermato il record in Europa del Belpaese come paese con il più alto consumo di acqua in bottiglia. La media nazionale è doppia rispetto a quella europea, nel 2009 sono stati imbottigliati 12,4 miliardi di litri, di cui solo l’8% destinato al mercato estero. Un volume di affari di 2,3 miliardi di euro, rimasto invariato rispetto all’anno precedente, ma in continua ascesa negli ultimi trent’anni.
Per la produzione si utilizzano 350mila tonnellate di PET, pari a 665mila tonnellate di petrolio. Questo provoca l’emissione di 1 milione di tonnellate di CO2. A queste, vanno poi aggiunte le emissioni dovute al trasporto delle bottiglie d’acqua dagli stabilimenti ai supermercati di tutta Italia. Ci sono ottime ragioni, economiche e ambientali, per preferire l’acqua a Km zero a quella in bottiglia. E’ vero che l’acqua del rubinetto è controllata regolarmente, ma questo non è sempre sufficiente per ottenere un’acqua pura e di buona qualità a casa, spesso a causa di una rete di distribuzione decrepita, soggetta a infiltrazioni.
Il cattivo gusto dell’acqua è spesso causato dal Cloro, che viene inserito nelle tubature per disinfettare l’acqua, oltre che dai nitrati e dai pesticidi, sostanze che possono trovarsi regolarmente nell’acqua.
Il cloro è un elemento chimico, che a temperatura ambiente di 20C e alla pressione di 1 BAR, si trova sottoforma di gas di colore verdastro.
Meno comunemente il cloro viene chiamato “ipoclorito di sodio cloro attivo”, in altre parole CANDEGGINA.Il cloro è ottimo per la sterilizzazione batteriologica, ma sappiamo bene che è un acido altamente corrosivo che, se ingerito in grosse quantità, potrebbe corrodere addirittura i tessuti corporei.Per fortuna l’acqua del rubinetto contiene una quantità veramente minima di cloro necessaria a sterilizzare l’acqua senza innescare conseguenze a breve termine sul corpo umano ma può anche privare il tuo corpo di certe vitamine e danneggiare la flora batterica benefica se continuamente ingerito.

Quindi, se la vostra acqua risulta sgradevole al gusto e all’olfatto a causa del cloro, un sistema di microfiltrazione dell’acqua può sicuramente risolvere questo problema.

La Soluzione che conviene!

Per risolvere il problema la soluzione ideale è quella di installare specifici sistemi di filtrazione che garantiscono un’acqua pura e cristallina, che sarà ottima sia da bere che per cucinare.La nostra linea Privata rende l’acqua del rubinetto buona e sicura, un’acqua di eccellente qualità senza lo sgradevole odore e sapore di Cloro. Bere acqua del rubinetto permette inoltre di rispettare l’ambiente, riducendo gli spostamenti su gomma e di smaltimento di PET e offre, al consumatore, un tangibile risparmio economico.